MAN_Museo d'Arte Provincia di Nuoro

Main site sections

PICASSO

Suite Vollard

14.03  -  15.06.2003

La Suite Vollard è considerata l’opera più importante nella storia dell’incisione del Novecento. Raramente è stata esposta completa e lo sarà per la prima volta in Italia al museo MAN, grazie al prestito concesso dal prestigioso museo d’arte moderna e contemporanea MNCARS, Museo Centro de Arte Reina Sofía di Madrid, uno dei più importanti musei europei e internazionali.

Costituita da 100 incisioni realizzate da Picasso tra il 1930 e il 1937, la Suite Vollard comprende 27 incisioni con temi diversi e 73 con cinque temi specifici: La batalla del amor, El taller del escultor, Rembrandt, El Minotauro e Il Minotauro ciego e 3 ritratti di Ambrosie Vollard, nei quali Picasso ricrea la complessa personalità del mercante. A prima vista, la varietà dell’iconografia potrebbe suggerire una certa incoerenza, ma considerate nel loro insieme, le incisioni mostrano una grande unità concettuale e formale. 

Il lavoro più intenso è quello della serie El taller del escultor frutto di uno di quei frenetici momenti creativi che hanno caratterizzato la vita di Picasso. Infatti, nonostante l’artista abbia lavorato per quasi sette anni alla Suite, 40 di quelle 46 incisioni furono realizzate in soli 3 mesi, tra marzo e maggio del 1933. Il mondo della creazione, l’atmosfera e la tensione tra il modello e l’opera del El taller del escultor è interessante soprattutto per il fatto che quelle incisioni sono la diretta conseguenza dell’opera scultorea realizzata da Picasso tra la fine degli anni Venti e il principio degli anni Trenta. Le sculture prodotte in quel periodo suscitarono una accesa polemica. Alcuni critici e artisti credettero di vedervi, per il recupero del mondo classico, una specie di tradimento dell’avanguardia artistica che Picasso aveva incarnato sin dal principio del secolo. Picasso era entrato in contatto con l’arte classica e antica un anno prima, in Italia, durante i suoi viaggi a Firenze, Napoli e Pompei. Il lavoro iniziato nelle sculture continua in gran parte della Suite Vollard, e proprio le incisioni de El taller del escultor diedero origine alla domanda, malevola secondo Breton, che gli specialisti si fecero riguardo la rinuncia di Picasso e il suo “ritorno all’ordine”, sorpresi per l’apparente sovversione dei vecchi valori compiuta dall’artista malagueño. 

La tensione, la malinconia, l’erotismo, la ricerca della forma che si osserva nelle cento incisioni della Suite Vollard, sono in stretta relazione con la vita di Picasso in quegli anni. Picasso aveva compiuto 50 anni nel 1931, divorziato da Olga Koklova, aveva una relazione con Marie Thérèse Walter e nello stesso tempo iniziava la sua nuova e conflittuale relazione con Dora Maar. È anche il periodo della guerra civile spagnola che scosse profondamente l’artista. In alcune delle incisioni che fanno parte della Suite Vollard, si possono ritrovare chiarissimi antecedenti di quello che è ritenuto il capolavoro di Picasso: Guernica.

La Suite si può considerare come il punto più alto del rapporto tra Picasso e Ambroise Vollard, lo storico gallerista ed editore che nel 1901 realizzò la sua prima mostra intuendone la genialità. In quest’opera Picasso utilizza tutte le tecniche dell’incisione: la punta secca, il bulino, l’acquaforte e l’acquatinta, offrendo straordinari e magistrali esempi di invenzione artistica e versatilità tecnica incomparabili.

Share on:

Home  |   Legal annotations  |   Privacy  |   Credits  |   ConsulMedia 2014